NetSupport ha annunciato oggi che la sua soluzione basata su cloud per l'insegnamento, la gestione della classe e la salvaguardia, classroom.cloud, ora consente alle scuole di integrare il proprio account CPOMS, rafforzando e ottimizzando ulteriormente la loro fornitura di sicurezza online per garantire che possano identificare rapidamente ed efficacemente i bambini che potrebbero aver bisogno di un aiuto precoce.

L'uso della tecnologia da parte dei bambini è notevolmente aumentato dall'inizio della pandemia poiché le attività di persona, tra cui l'insegnamento e l'apprendimento, erano limitate. Da allora le loro vite sono diventate ancora più basate sulla tecnologia, con molte scuole che ora adottano un approccio di apprendimento misto. Questo, insieme al flusso costante di nuove app e tendenze online, ha solo aggiunto al campo minato della sicurezza online.

Per aiutare a navigare in questo nuovo panorama, le scuole integrano il loro account CPOMS con classroom.cloud può monitorare e identificare gli studenti vulnerabili in ogni momento e, in modo critico, in qualsiasi luogo.

Quando uno studente attiva una parola chiave o una frase di salvaguardia in classroom.cloud, viene acquisito immediatamente come "evento" e, se del caso, il personale addetto alla salvaguardia può semplicemente collegarlo a uno studente nel proprio account CPOMS. Facendo un ulteriore passo avanti, le scuole possono anche rivedere il livello di gravità dell'evento, come classroom.cloud implementa l'intelligenza contestuale per fornire dettagli tra cui il dispositivo utilizzato, l'ora del giorno, i siti Web visitati/le applicazioni utilizzate e la cronologia degli avvisi precedenti (insieme a eventuali schermate o registrazioni dello schermo acquisite) per calcolare il rischio di uno studente. Ora, il personale addetto alla protezione può visualizzare l'evento in entrambi classroom.cloud e CPOMS – contribuendo a garantire che gli studenti vulnerabili non scivolino attraverso la rete.

Al Kingsley, CEO di NetSupport, commenta: “Il monitoraggio e il supporto degli studenti mentre utilizzano i dispositivi scolastici in una vasta gamma di applicazioni e ambienti è diventata la sfida numero uno per le scuole poiché il loro ambiente di apprendimento è cambiato rapidamente negli ultimi mesi. Con questa integrazione aggiuntiva a classroom.cloud, le scuole possono essere sicure che quando un bambino cerca contenuti che potrebbero metterlo a rischio o indicare una preoccupazione, può essere identificato rapidamente e ottenere il supporto appropriato".

Claire Wilson, di CPOMS, commenta: "Abilitare questa entusiasmante integrazione tra CPOMS e NetSupport significa che possiamo continuare ad aiutare a proteggere gli studenti sia online che offline". CPOMS è la soluzione leader di mercato per la tutela, la pastorale e il benessere. Attualmente utilizzato da oltre 14,500 scuole sia nel Regno Unito che a livello internazionale, CPOMS è un sistema intuitivo che aiuta a garantire che bambini, giovani e adulti siano al sicuro e pienamente supportati.

Informazioni su classroom.cloud

Già implementato da scuole e ministeri dell'istruzione di tutto il mondo, classroom.cloud fornisce insegnamento pluripremiato, gestione della classe e strumenti di salvaguardia. Dalla condivisione e monitoraggio dello schermo (tutto in un unico ambiente) al controllo remoto e agli strumenti di valutazione, classroom.cloud rende facile condurre l'apprendimento in classe e con studenti a distanza, creando un ambiente di apprendimento sicuro.

Per ulteriori informazioni, visitare https://classroom.cloud/.